Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

noi con gli infermieri

 

 

 

 

grafica consulenti lavoro

 

"Sovraccarichi di lavoro, sottodimensionati e con la preoccupazione di contagio, aggravata dalla presenza di un personale non più giovanissimo. E, ancora, l’elevata presenza di donne sottopone la gran parte del personale allo stress derivante dalla crescente difficoltà di conciliare gli equilibri vita-lavoro. È quanto emerge dal report della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro “Medici e infermieri, tra sottodimensionamento degli organici, rischi alla salute ed esigenze di conciliazione” che fotografa le fragilità del Sistema Sanitario Nazionale (SSN), che da quasi un anno è alle prese con l’emergenza sanitaria da Covid-19. Al già complesso quadro si aggiungono poi alcune considerazioni strutturali: innanzitutto, il blocco del turnover, che ha portato ad una drastica riduzione nell’ultimo decennio delle figure sanitarie, con notevoli differenze tra le Regioni e con cali significativi nel Mezzogiorno.

in Toscana negli ultimi dieci anni non abbiamo perdite asolute ma un non bastevole aumento poco superiore al 1% degli inermieri, piuttosto stonato rispetto ad aumento superiore del 6% dei medici. Nel 2018 così avevamo 5.7 infermieri ogni 1000 abitanti ovvero la media esatta Italiana che ci posiziona fanalino di coda in Europa (8.2 ogni 1000 abitanti). Nel 2021 con le nuove assunzioni a tempo indeterminato questa media dovrebbe portarsi a circa 6.2 infermieri / 1000 abitanti.

Il blocco delle assunzioni ha comportato, inoltre, un innalzamento significativo dell’età media del personale in forza: negli ultimi 10 anni la quota di medici in forza nel SSN con più di 59 anni è passata dal 7,3% al 28,5%, mentre quella degli “under 50” è scesa dal 41,8% al 38,1%. Anche tra gli infermieri, popolazione tendenzialmente più giovane di quella medica, si registra una simile tendenza: passa dal 32,7% al 46,3% la quota di chi ha più di 50 anni, mentre resta tendenzialmente stabile quella dei giovani, con meno di 35 anni. “Le professioni sanitarie – dichiara il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca – sono oggi sottoposte a una grandissima pressione. Su queste figure sta convergendo, oltre all’emergenza pandemica, quella derivante da una gestione in moltissimi casi disastrata della sanità pubblica, che mette a rischio una delle componenti professionali da anni fiore all’occhiello del Paese."


Report completo: http://www.consulentidellavoro.it/files/PDF/2020/AnalisiStatistiche/Focus_Medici_Infermieri.pdf

 

 

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Scarica il calendario 2021

calendario dei bambini 2021

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute