Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

segnalibro video page 0001il Centro Gestione Rischio Clinico della Regione Toscana (Centro GRC) e OPI Grosseto La invitano a partecipare al progetto NURISK.
Si tratta di un progetto sulla prevenzione e gestione del rischio nutrizionale che prevede la partecipazione di tutti i professionisti sanitari: medici, infermieri, ostetriche, dietisti e nutrizionisti e altre figure professionali che operano nel sistema sanitario.
Il progetto è promosso dai Centri GRC della Toscana e della Lombardia con la Federazione Nazionale Ordine TSRM-PSTRP, dagli Ordini dei Medici e gli Ordini delle Professioni Infermieristiche toscani.
 
NURISK consiste in uno studio qualitativo con il quale si intende rilevare la sensibilità dei professionisti sanitari nell'intercettare il rischio nutrizionale nell'intero percorso assistenziale del paziente.
Il progetto prevede la somministrazione di un questionario (tempo di compilazione 15-20 minuti) che indaga i diversi aspetti del rischio nell'ambito della alimentazione e nutrizione, fotografa lo stato dell'arte della presenza e applicazione di buone pratiche, della formazione, di procedure di passaggio di consegne tra territorio-ospedale-territorio.

Chiediamo la Sua collaborazione, con l’auspicio di poter raccogliere la più ampia disponibilità e adesione alla partecipazione, anche attraverso il Suo prezioso contributo, ovvero la compilazione del questionario qui di seguito collegato
https://it.surveymonkey.com/r/Progettonutrizionesicurezzadelpaziente
progetto nutrizione e sicurezza della persona assistita - questionario sul rischio nutrizionale rivolto a tutti gli operatori

La compilazione del questionario è aperta fino al 17/02/2023.

La diffusione del questionario è accompagnata da una campagna di comunicazione che ha l'obiettivo di creare un terreno fertile alla compilazione del questionario.
La invitiamo a consultare i materiali di comunicazione della campagna sul rischio nutrizionale "NUTRI(A)ZIONE. ALIMENTARE LA SICUREZZA" che trova in allegato CLICCANDO QUA e che sono stati progettati in collaborazione con medici infermieri e dietisti con l'obiettivo di essere di stimolo alla compilazione del questionario.

La ringraziamo fin d'ora per il tempo che potrà dedicare a questo progetto e le chiediamo di coinvolgere i colleghi ad aderire, compilando il questionario.
Contiamo sulla Sua partecipazione!


Arriva la riforma "del 118". Soddisfazione degli OPI
Health at a Glance 2022 - la situazione in provincia di GR
OPI Grosseto anche su Instagram
Infermiere di famiglia: il progetto della Asl compie un anno. «Percorso virtuoso e innovativo»
Forum sanità, l’Opi: “Nuove competenze e specializzazioni per le professioni infermieristiche”
NASCE IL COORDINAMENTO DEGLI INFERMIERI TOSCANI
Commissione sanità in maremma: l'intervento di OPI Grosseto
Giornata delle cure palliative: il ringraziamento di Opi agli infermieri che operano nel settore
Opi: “Evitiamo allarmismi sul 118”
Cominciamo a parlare di qualità delle professioni sanitarie oltre che di quantità
Nuovi progetti infermieristici in Maremma
Una comunicazione diversa è possibile
Le richieste alla politica in vista delle prossime elezioni
Dove eravamo rimasti? Le richieste della Fnopi al nuovo Parlamento
Attenzione alla diffusione di dati sensibili
Alcune proposte per i problemi del pronto soccorso
Occhio agli ECM. Conseguenze per chi non in regola, ma ci sono tutte le condizioni per adeguarsi senza problemi.
L’importanza degli infermieri nella comunità in un documentario in anteprima nazionale a Festambiente
Infermiere in farmacia. Facciamo chiarezza
Problemi Pronto soccorso: Opi e Omceo propongono un tavolo di confronto con cittadini, Asl e sindacati
Progetto FNOPI - BOCCONI per il PNRR. Tra i selezionati anche la collega Silvia Bellucci
Stop the bleed. Un primo inizio.
Violenza sugli operatori sanitari: L'intervista a #221
Infermiera aggredita in ospedale «Inaccettabile. Tolleranza zero»
Maremma in Diretta - puntata del 14 maggio dedicata alla giornata internazionale dell'infermiere
OPI Grosseto organizza un evento formativo per i giornalisti
12 maggio 2022: giornata dell'Infermiere : “Quest'anno deve essere l'anno della progettazione e della ricostruzione, per la professione e per i cittadini”
Tania Barbi è la nuova direttrice del Coeso
OPI Grosseto a #221
Accordo tra Opi Grosseto e Avis per promuovere la donazione di sangue e plasma
Un libro per te. Un progetto che sosteniamo
Trentennale del 118: “A Grosseto da sempre un servizio di grande eccellenza.”
Aggressione al medico del 118, Opi e Omceo: “Fatto gravissimo, che dimostra come la violenza sia più diffusa di quello che si pensi”.
L’Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto aderisce a Pa Social
Proiezione gratuita film "Io resto". Siete tutti invitati
Rispetto e fiducia, elementi da coltivare
il 12 marzo si celebra la Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari, L'iniziativa Coldiretti/ OPI Grosseto
Scomparsa di Paola Faenzi: il cordoglio di Opi Grosseto
8 marzo, ma le donne sono protagoniste in sanità tutto l'anno
20 febbraio. La nostra storia è la vostra storia. Raccontaci di te
Protocollo con Regione Toscana per esercizio temporaneo della professione infermieristica
L'Intervento di OPI Grosseto all'incontro grossetano con Giani e Bezzini - Necessario un confronto permanente per la sanità maremmana
Così muore una professione. L'intervista a NOVEX5
Ultimatum FNOPI: “Basta parole, è ora di passare ai fatti”
Così muore una professione. L'intervista a NOVEX5
Inutile parlare di posti letto se mancano gli infermieri
Costa Concordia. 10 anni dopo ricordiamo l'impegno di tutti i professionisti sanitari
OPI GR aderisce alla campagna "Grosseto si vaccina perchè..."

presentazione libro benetti 2023È con piacere che invitiamo tutti, colleghi e cittadini, alla presentazione del libro "Dentro il viaggio. Dialoghi lievi intorno alla cura". L'evento, organizzato da OPI Grosseto e Libreria QB, si terrà il 19 gennaio 2023 alle ore 18 presso la libreria Quanto Basta in Via Cristoforo Colombo 4, nel centro di Grosseto. Insieme all'attrice Katia Fini incontreremo una delle due autrici: Lucia Teresa Benetti. Lucia non sarà un nome nuovo per molti di voi, ha più volte partecipato anche come "paziente esperta" a incontri aziendali in tema di medicina narrativa. Il suo libro, infatti,  parla di un viaggio all'interno dell'esperienza di Cura vissuta dalla parte di chi ha bisogno di cure e dalla parte di colui che per primo l'accoglie e l'assiste, ovvero l'infermiere.

Due parti distinte, ma due parti dello stesso insieme, che si confrontano e si svelano attraverso un dialogo aperto e sincero. Un viaggio, un dialogo lieve, ma coinvolgente, con cui Lucia, un cittadino che è anche una paziente oncologica, e Rossella Aiardi, un'infermiera, ci portano all'interno delle emozioni, delle problematiche e dei sentimenti reciproci che accompagnano la relazione tra chi si trova a curare e chi, invece, si trova a essere curato.

Una scrittura che vede le due autrici alternarsi, come in una sorta di conversazione, dove ciascuna esprime i suoi timori, le sue speranze e le sue difficoltà e che è arricchita con parti narrative di forte impatto emotivo. Un dialogo in cui le due parti cercano di capirsi per posare quella pietra angolare che permetterebbe a tutti di iniziare a costruire quella relazione di Cura che farebbe sì che non ci fossero più diffidenze, più incomprensioni, ma più capacità di accoglienza dell'uno nei confronti dell'altro. In maniera reciproca. Un dialogo lieve per far sì che ogni persona, curante e curato, nel leggerlo possano affacciarsi su un mondo il più delle volte per entrambi sconosciuto. 

Draolisalute4.0Al via, venerdì 20 gennaio, alle 21.15 su Tv9 Telemaremma, un nuovo ciclo di trasmissioni “Salute 4.0”, promosso dal Coeso Società della Salute in collaborazione con l’emittente grossetana.Informare i cittadini e rappresentare i molteplici servizi socio sanitari presenti sul territorio è uno degli obiettivi della Società della Salute che si unisce, in questo caso, anche alla diffusione di tematiche importanti su cui coinvolgere la comunità.

Violenza ai danni degli operatori sanitari, violenza di genere, progetti per l’inclusione dei cittadini stranieri, i progetti “Dopo di noi” per l’autonomia della persone disabili, i servizi per il contrasto delle dipendenze, le risorse che, con i progetti del Pnrr, il piano nazionale di resistenza e resilienza, disegneranno una nuova organizzazione per il sociale e la sanità: questi alcuni dei temi che saranno trattati nella trasmissione condotta da Enrico Pizzi, direttore di Tv9, e dalla giornalista Clelia Pettini, e che vedranno la presenza di molti ospiti.

Ecco nel dettaglio il programma della trasmissione che andrà in onda sul canale 13 del digitale terrestre, o in diretta streaming sul sito di Tv9 Telemaremma.

Venerdì 20 gennaio, la puntata di “Salute 4.0” sarà dedicata al tema “Quando gli operatori sanitari e sociali diventano vittime”. Ospiti in studio Tania Barbi, direttrice del Coeso SdS e Dario Marietti, medico del pronto soccorso di Grosseto, e contributi di Paola Pasqualini, presidente dell’Ordine dei medici di Grosseto (Omceo), e Nicola Draoli, presidente di Opi Grosseto, Ordine delle professioni infermieristiche.

Venerdì 27 gennaio si parla di “Codice Rosa e Sam, spazio di ascolto uomini maltrattanti” 

Venerdì 3 febbraio, “Il gioco non vale l’azzardo”: puntata sul gioco d’azzardo e le dipendenze più in generale 

“Un società aperta: politiche e servizi di inclusione” è il titolo della puntata di venerdì 10 febbraio, che vedrà al centro dell’incontro i servizi per i cittadini stranieri. 

Venerdì 17 febbraio Sara Minozzi, assessore al Sociale di Grosseto, e Andrea Benini, sindaco di Follonica, parleranno di  “Dopo di noi, progetti di vita alla ricerca dell’autonomia”.

Il ciclo di puntate si concluderà venerdì 24 febbraio con la trasmissione “Salute, politiche sociali e coesioni: le attese dal Pnrr”. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che oltre 56,8 milioni di persone nel mondo necessitino di cure palliative

La Word Health Assembly (2021) ha dichiarato che le cure palliative sono una responsabilità etica dei sistemi sanitari e una componente chiave della copertura sanitaria universale.

Nella legge di Bilancio 2023 è previsto che le Regioni mettano a punto ogni anno un piano di potenziamento delle cure palliative per raggiungere, entro il 2028, il 90% della popolazione interessata, soprattutto per l’assistenza domiciliare. In tale setting giocheranno un ruolo fondamentale le équipe multidisciplinari di cui l’infermiere di famiglia e comunità è, anche secondo quanto scritto nel DM 77/2022 di riordino dell’assistenza sul territorio, parte essenziale.

Uno dei setting coerenti con l’approccio palliativo è l’assistenza domiciliare  (anche rivolta alla famiglia),  e l’infermiere di famiglia e comunità (IFeC), che in virtù del DM 77/2022 è il cardine su cui ruotano i nuovi modelli previsti, è il primo riferimento domiciliare per l’assistenza delle persone e dei caregiver e, di concerto con l’equipe curante e attraverso il coinvolgimento dell’Unità Valutativa Multidisciplinare (UVM) nella stesura del Progetto Assistenziale personalizzato (PAP), può rilevare e intercettare precocemente i bisogni di cure palliative e indirizzare l’utente verso percorsi appropriati.

Il documento “Cure palliative e IFeC” appena redatto dalla Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI) e dalla Società Italiana di Cure Palliative (SICP), fornisce proprio all’Infermiere di famiglia e comunità, considerato dalla norma “il professionista responsabile dell’assistenza infermieristica in ambito familiare e di comunità”, una serie di strumenti utili per intercettare tempestivamente i bisogni e fungere da raccordo con la Rete di cure palliative.

 

A QUESTO LINK IL DOCUMENTO FNOPI-SICP “CURE PALLIATIVE E IFEC”

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

IMPORTANTE: OBBLIGO DI PEC

PEC

 

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute