Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

chiusoSi informa che gli uffici  dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche saranno chiusi per congedo estivo del personale amministrativo dall' 8 agosto al 19 agosto compreso.

Il Consiglio Direttivo, La Commissione di Albo e il Collegio dei revisori dei conti restano ovviamente a disposizione per interventi di natura non amministrativa. 

 

 

Competence Infermieri e tecnici

Editoriale del Presidente Nicola Draoli - 29 luglio 2022

Cari collegh* e amic*, spesso funziona così: ci sono delle norme che individuano obblighi specifici per i professionisti, salvo poi non definire sanzioni, conseguenze e percorsi di controllo e verifica e lasciando tutto in un vuoto incerto anche piuttosto lungo. Questo vuoto genera la percezione che nulla succederà e quindi vi è un lento, lentissimo adeguamento. Ad un certo punto, però, arrivano decreti o indicazioni che rendono il tutto immediatamente applicabile con un corri corri generale  e non pochi malumori, sia tra gli iscritti controllati e gli Ordini controllori.   

E’ quello che è successo con la PEC, ad esempio. Nonostante l’obbligo esista da più di 10 anni arriva la Legge 120 del 2020 che definisce senza più mezzi termini la sospensione del professionista che non ha comunicato la PEC al proprio Ordine e le linee applicative per l’Ordine stesso che, se inadempiente, rischia il commissariamento. Questo Ordine già offriva la PEC Gratuita dal 2009 e nonostante avvertimenti, mail, telefonate, pubblicazioni e un lasso di tempo fin troppo generoso rispetto alla Legge per far partire diffide (comunque anch'esse cestinate o non lette) siamo  dovuti arrivare nostro malgrado a diverse sospensioni. Una situazione che non fa piacere mai a nessuno. 

Per gli ECM, però, la questione dovrebbe essere un po’ diversa. Un po’ diversa perché stiamo parlando di formazione e la formazione continua dovrebbe essere uno di quei mandati professionali su cui non ci sarebbe bisogno di Leggi e Deontologia perché insiti nel DNA di ogni professionista. In un mondo ideale non dovremmo essere richiamati all’obbligo formativo, ci formeremmo e basta per intima volontà. Sulla formazione non dovremmo parlare di sanzioni. Ma tant'è. 

Vero è che la questione ECM ha sempre mostrato un lato debole: quello della qualità contro la quantità. È stata gestita infatti negli anni più come una raccolta punti che come un vero percorso ragionato su conoscenze e competenze che servono al professionista rispetto allo specifico setting e ambito lavorativo. 

C’è da dire, tuttavia, che COGEAPS, AGENAS, la Commissione Nazionale, il comitato tecnico delle Regioni e tutti gli organi istituzionali molto hanno fatto per rendere il tutto più aderente alla realtà. Un tutto ancora molto poco conosciuto e praticato dai professionisti, va detto.

Penso alla possibilità di auto formazione (modalità che questo Ordine ha adottato in più di un’occasione) ad esempio per lettura e pubblicazione di articoli scientifici o per attività di tutoraggio o ricerca. Penso alla grande opportunità del Dossier Formativo che ti riconosce crediti semplicemente dichiarando DOVE vuoi formarti di più in base alle tue necessità e ti riconosce ulteriori crediti se hai rispettato quanto dichiarato.

Insomma, i tentativi di colmare il gap tra un sistema di qualità personalizzato sul professionista ed un sistema di mera raccolta punti sono stati molti.

Ma torniamo a quanto scrivevo all’inizio.

Con la chiusura di questo triennio ci avviamo verso alcune conseguenze per chi non sarà in regola. Intanto l’assicurazione per colpa grave non sarà valida per chi non ha conseguito almeno il 70% del debito formativo. Il riferimento è alle polizze per la responsabilità civile verso terzi e per la responsabilità civile verso prestatori d’opera contratte obbligatoriamente dalle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private in base alla legge “Gelli” sulla responsabilità professionale nonché per i professionisti sanitari che operino privatamente al di fuori delle strutture o all’interno di esse in regime di libera professione.

Inoltre vi è l’intenzione di applicare in modo uniforme ed omogeneo  a livello nazionale per tutte le professioni, dopo lustri di attesa, elementi sanzionatori da parte degli Ordini che tuttavia dovranno essere meglio definiti.

Sarebbe davvero un brutto segnale intervenire sulla formazione, sicuramente più brutto che intervenire su una mancata PEC. Ma, come sempre, come già accaduto con la PEC, questo Ordine e la Federazione mettono a disposizioni di tutti la possibilità di mettersi in regola gratuitamente entro la fine dell’anno.

La FNOPI (consultare corsi FAD sul sito www.fnopi.it) ha all’attivo corsi gratuiti per 67 crediti ECM.

Il Nostro Ordine (consultare corsi iscritti OPI GR su www.opigrosseto.it) offre corsi gratuiti ed accreditati (nel 2022 ha offerto corsi ECM per un totale di 22 crediti ECM ed altrettanti in arrivo per una stima di almeno 40 crediti a fine anno solo per il 2022)

Non solo: la FNOPI ha immediatamente riconosciuto 30 crediti ECM con il dossier formativo di gruppo per tutti gli infermieri italiani

E ancora: La riduzione di 1/3 dell’obbligo formativo di questo triennio come definito pochi giorni fa dal COGEAPS

E questo al netto di eventuali altri corsi ECM organizzati dalla vostra Azienda, datore di lavoro etc.

Cosa vuol dire in parole povere?

Che anche senza bonus maturati dal triennio precedente, un professionista, male che vada,  avrà un debito formativo di 70 crediti ecm  su TRE anni (150 – riduzione di 50 crediti – 30 crediti dossier) con un ventaglio di possibilità  - solo quest’anno senza contare i precedeti due -  di almeno 90 crediti ECM gratuiti offerti tra OPI Grosseto e FNOPI.

Il mio invito quindi è quello di controllare fin da ora la vostra situazione su COGEAPS (trovate tutto scritto nella sezione “ECM” del  sito opigrosseto.it). Gli uffici dell’Ordine sono a  disposizione per ogni supporto, compreso il caricamento di corsi non ancora visualizzabili e le possibilità di supportarvi per caricare ulteriori esoneri ed esenzioni (maternità, formazione post base, malatia etc etc)

Grazie per l'attenzione a tutt* voi. 

opi toscanaSanità: Opi Toscana, tagli a spese inaccettabili (ANSA) - FIRENZE, 22 LUG - "Gli Ordini delle professioni infermieristiche della Toscana hanno avviato, o meglio cercato di avviare, da mesi un'interlocuzione con la Regione evidenziando le carenze numeriche, le esigenze di valorizzazione delle professionalità e delle competenze, la necessità di istituire tavoli di confronto permanenti.
Oltre a non ricevere risposte rispetto a queste richieste, apprendiamo a seguito dell'incontro con i sindacati che è previsto un taglio robusto delle risorse riguardanti le spese del personale, che è un segnale assolutamente inaccettabile".
Cosi, in una nota, i presidenti Opi della Toscana prendono posizione dopo il grido d'allarme lanciato dalle organizzazioni sindacali sui tagli alle risorse per il personale sanitario. "Senza entrare nello specifico delle questioni salariali, argomento sul quale sono già state molto chiare le organizzazioni sindacali - riprendono i presidenti -, vogliamo invece sottolineare con forza che questi tagli, con una situazione che vede la pandemia non ancora finita e molte bolle Covid riattivate negli ospedali, sono la risposta peggiore al problema della carenza di personale e, soprattutto, all'esigenza di garantire i servizi offerti e la loro qualità. Senza un'adeguata programmazione, che è quella che abbiamo proposto con il nostro documento di febbraio firmato da tutti i presidenti della Toscana, ci troveremo sempre di fronte alle emergenze e alle cattive notizie come quella emersa oggi e non daremo ai nostri cittadini le risposte sanitarie e di servizi che indubbiamente meritano", concludono i nove presidenti. (ANSA). COM-CRM 2022-07-22 14:00 S04 QBKN CRO

locandina documentario“Ovunque per il bene di tutti”, prodotto dalla Fnopi, è il film fuori concorso per la ventunesima edizione del Clorofilla film festival. Appuntamento il 6 agosto alle 21.30 a Rispescia (Grosseto)

Sarà proiettato in anteprima nazionale il 6 agosto, alle 21.30, come fuori concorso al Clorofilla film festival, in programma a Rispescia (Grosseto), nel corso di Festambiente, la kermesse nazionale di Legambiente, il film documentario “Ovunque per il bene di tutti”, prodotto dalla Fnopi, la federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche, in collaborazione con Clipper media e con la regia di Gianluca Rame.
“Ovunque per il bene di tutti. Viaggio tra le eccellenze infermieristiche sul territorio” è un percorso, appunto, attraverso storie di “ordinaria” attività infermieristica che racconta, però, le tante realtà di eccellenza che esistono nel Belpaese e che danno la misura dell’importanza di queste professioni all’interno della comunità.
“Siamo molto orgogliosi di presentare per la prima volta questo lavoro nel Grossetano e tanto più nel corso di un festival importante come il Clorofilla, proprio dove ha mosso i primi passi”, dice Nicola Draoli, presidente di Opi Grosseto e consigliere nazionale Fnopi, che presenterà la serata insieme a Silvestro Giannantonio, ufficio stampa della Fnopi, e autore, insieme a Paolo del Bufalo e a Giulia Zanichelli, dei testi del cortometraggio. “Si tratta di un documento che, per immagini a parole, dà conto delle buone pratiche per l’infermieristica di prossimità: interventi, quindi, che avvengono nelle case, nelle scuole, nelle situazioni di emarginazione e disagio e per le fasce fragili della popolazione – continua Draoli – dando così uno spaccato dell’importanza del ruolo degli infermieri”.

“Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm nasce a seguito del congresso nazionale itinerante, organizzato dalla Fnopi dopo due anni di pandemia. Ed è proprio da questa esperienza, che ha portato i professionisti di tutta Italia a confrontarsi, dopo due anni in cui la professione e la vita quotidiana sono stati profondamente sconvolti dalla pandemia in corso, che matura l’idea di narrare queste storie: che sono casi particolari, certo, ma anche storie di tanti.
La pellicola è stata presentata nei giorni scorsi, in forma riservata alla Casa del Cinema di Roma, al Consiglio nazionale della Fnopi, a personalità istituzionali e ai vertici del ministero della Salute, che ha patrocinato il congresso itinerante da cui ha tratto spunto l'opera.
“Ovunque per il bene di tutti”, quindi, racconta attraverso le voci dei protagonisti che hanno dato vita a progetti premiati come eccellenze infermieristiche italiane, da nord a sud: un viaggio per disegnare il futuro della sanità, valorizzando tutti quei progetti di assistenza territoriale attivati anche a seguito della pandemia da Covid-19.
Al centro del racconto il nuovo ruolo dell’infermiere nel suo patto di vicinanza con i cittadini, nel valore etico e deontologico, oltre che clinico, della professione, e una riflessione sul valore che l’infermieristica dà al concetto di prossimità, dove i cittadini, fragili e malati, non devono essere lasciati soli.
Il viaggio raccontato dal documentario parte simbolicamente il 12 maggio 2021, da Firenze, nella giornata Internazionale dell’Infermiere e finisce un anno più tardi nella medesima data simbolica, il 12 maggio 2022: in questi mesi tantissime le esperienze raccolte e premiate che hanno consentito di garantire l’assistenza, anche durante la pandemia, rimanendo sempre vicini ai cittadini e non lasciando da solo nessuno. È racconto di questi infermieri e di quello che fanno per la nostra comunità, tutti i giorni, fuori dagli ospedali.

Il festival. Clorofilla, festival di cinema promosso da Legambiente, giunge quest'anno alla XXI edizione. La sua parte centrale si svolge all'interno di Festambiente, manifestazione nazionale dell'associazione ambientalista, in programma quest'anno dal 3 al 7 agosto nel Parco della Maremma (Gr). Nel tempo, Clorofilla, è diventato patrimonio dei tanti soggetti che lo accolgono.
Si svolge su più spazi sia in provincia di Grosseto che in altre località. Nel suo programma si trovano documentari a tema ambientale e sociale. Oltre ai documentari sono previste presentazioni di libri, incontri, teatro. E' un festival che dura più mesi nella convinzione che una reale promozione del cinema non può limitarsi ai pochi giorni che solitamente caratterizzano i festival.

L’ingresso a Festambiente è gratuito. La kermesse si tiene al centro per lo sviluppo sostenibile di Legambiente, in località Enaoli a Rispescia (Grosseto).

Servizi On Line

banner amministrazione trasparente

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

IMPORTANTE: OBBLIGO DI PEC

PEC

 

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Uni Logo

badante

Cerco Offro Lavoro

castorina home

Uni Logo

grosseto si vaccina perché

paroladiinfermieresigla

 PosizionamentiInterventi Progetti OPI GR

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute