Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

Nurse Hero 768x646L'Ordine interviene molte più volte di quanto non si renda evidenza attraverso i nostri canali comunicativi istituzionali. I motivi sono perlopiù legati a questioni di  privacy ed opportunità. C'è stato però un episodio che, pur mantenendo riservato, crediamo sia importante portarvi per lanciare un messaggio a tutti i nostri giovani professionisti.

Siate orgogliosi della vostra professione e non cedete a offerte lavorative poco professionali che si avvicinano più a logiche di apprendistato per mestieri.

Acuni neolaureati ci hanno riportato dei dubbi su opportunità di lavoro poco chiare. Abbiamo chiamato il datore di lavoro per capire e, lo diciamo subito, di illecito non c'era niente. Ma di sgradevole vi era l'atteggiamento dello stesso che continuava a disquisire dei giovani infermieri senza esperienza come fossero dei ragazzini a cui offrire opportunità lavorative non proprio allettanti ma comunque migliori del niente pur di fare esperienza e magari avere più possibilità di inserirsi nel mondo lavorativo. Mi sono molto amareggiato e offeso per questo atteggiamento, facendolo notare chiaramente, tanto che lo stesso datore di lavoro si è scusato con lettera formale rivolta ai giovani colleghi. Una lettera formale che tra le righe - oltre le scuse - diceva chiaramente che da lui non lavoreranno più. Ebbene cari colleghi: voi non avete bisogno di lavorare in strutture che non riconoscono la professione. Che non riconoscono il vostro essere, sì senza esperienza, ma comunque professionisti laureati. Se un'azienda privata vuole professionisti con esperienza li cerchi e li assuma, altrimenti faccia a meno di offrire soluzioni diverse. Molto semplice. Non li trova? Non può essere un problema vostro e nostro. Se vuole far crescere professionisti dentro la sua organizzazione e fidelizzarli offra un percorso chiaramente definito di affiancamento e non di "intanto prendi questo che non puoi pretendere nulla e poi si vedrà". Un percorso incrementale economicamente e di ruolo ma a step chiari e precisi, che preveda con trasparenza il recesso ma anche l'avanzamento. A voi non conviene un limbo che sà di concessione. Non vi conviene mai. Ditevelo forte e senza paura che non vi conviene. Non conviene perchè alimentiamo atteggiamenti di questo tipo. Non conviene perchè la responsabilità professionale di cui rispondiamo in sede civile e pensale è comunque presente. Non conviene perchè la professione non viene aiutata. A fronte della mia domanda: "ma lei con un medico senza esperienza si comporterebbe così?", la risposta è stata: "ma lui è un medico". Amici, colleghi.... dipende sicuramente dall'Ordine cambiare questi atteggiamenti e questa anche quando si muove nella legalità, ma l'Ordine siamo tutti noi e tutti voi.

L'Ordine in questo caso è sì intervenuto informalmente e forse l'Azienda in questione non proporrà più soluzioni alternative ad un'infermiere senza esperienza ma dipende da noi e da voi: avete studiato tre anni senza un ritorno economico, non lasciate che qualche altro mese danneggi voi e la professione.  Ma poi per cosa? per due mesi di esperienza a pochi euro?  Portate con orgoglio il vostro essere professionisti, non abbiate paura di perdere lavoro subito qui e ora. Non è il mondo di qualche anno fa, le opportunità ci sono. Non sono più immediate come prima, non sono più sotto casa, è vero. Ma ci sono. Contrattiamo la nostra professionaltà , non svendiamola. Non temete di perdere treni, abbiate fiducia. Se oggi sarete in tanti a dire no a proposte che non vi rispettano domani la proposta dovrà cambiare per forza. Lo so che qualcuno penserà che è facile dirlo con un posto di lavoro in tasca (è vero!), che ci sono situazioni e situazioni personali (certamente! Ogni situazione personale merita rispetto e ha le sue ragioni) ma è l'unico atteggiamento per cambiare le cose. I colleghi ci hanno ringraziato, e questo mi fa ben sperare. Hanno preferito dire no e mantenere la dignità della loro laurea. Questo "no" porterà solo buoni frutti a loro e a tutti. 

Il mondo del lavoro se cerca un infermiere vuol dire che ne ha bisogno. Diamogli l'infermiere che vogliamo noi, un professionista. Siamo noi a creare il mercato se siamo uniti. Coraggio! restiamo uniti e vicini, noi siamo qui. Cerchiamoci per affrontare insieme le sfide e confrontarci sempre. 

Nicola Draoli 

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute