Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

noi con gli infermieri

 

 

 

 

ambulatoriowoundcareDal Comunicato Stampa Azienda USL Toscana Sud Est

Il servizio, già attivo a Grosseto e coordinato dal dottor Paolo Tanasi (adesso in pensione), dopo la sospensione delle attività durante il Covid, ha ripreso a funzionare a pieno regime e con una nuova veste.

“Wound care”, letteralmente cura delle ferite, è la competenza clinica e gestionale specialistica che possiede il personale infermieristico impiegato nell’ambulatorio, operante in piena sinergia con i medici della Medicina Iperbarica.

Sono Edgardo Norgini e Aldo Conti, coadiuvanti da Massimiliano Brilli, i due infermieri specializzati in wound care con master universitario in lesioni cutanee. I due professionisti prendono in carico i pazienti con ferite difficili della pelle e li assistono nel percorso terapeutico più adatto alle loro esigenze di salute.

“La scelta di dedicare personale infermieristico con una preparazione specifica nell’ambito del trattamento delle ferite difficili è dettata dalla volontà di valorizzare maggiormente le particolari competenze di ogni professionista e quindi implementare il suo contributo fondamentale a vantaggio di una maggiore personalizzazione dell’approccio terapeutico, oltre che a garantire l’umanizzazione della cura – affermano Norgini e Conti – L’infermiere specialista in Wound care si occupa degli aspetti assistenziali, organizzativi e gestionali per realizzare un’assistenza orientata al paziente, assumendosi la diretta responsabilità del processo di cura”.

Vengono prevalentemente trattate lesioni cutanee di varia natura come ulcere da pressione (decubito), traumatiche, chirurgiche e vascolari. L’offerta terapeutica per la cura e la prevenzione delle ferite difficili o croniche si compone di diverse tecniche; tra queste viene eseguita l’applicazione di bendaggi elastocompressivi e la terapia a pressione negativa che tramite uno strumento aspirante crea un sottovuoto sulla cute, provocando così una trazione sui tessuti e vasi per favorire la rigenerazione cellulare. Ogni trattamento necessita comunque della prescrizione medica.

All’interno dei percorsi medici di somministrazione di gel piastrinico (nell’ambito di un progetto sperimentale) e degli innesti cutanei, i professionisti dell’ambulatorio intervengono a sostegno dei medici specialisti, individuando il paziente candidato e proponendo l’eventuale trattamento.

In Italia si stima che circa 2 milioni di persone siano affette da lesioni cutanee più o meno gravi e a soffrirne non sono solo soggetti fragili come gli anziani e i disabili, allettati o costretti sulla sedia a rotelle, ma anche pazienti senza particolari condizioni di disagio o patologie pregresse.

All’ambulatorio grossetano vengono assistiti circa 40 pazienti alla settimana, a cui si aggiungono circa 20 consulenze fornite ai reparti ospedalieri e altrettante per pazienti in carico presso le strutture Asl territoriali. In quest’ultimo caso, i colleghi sul territorio inviano per email i dati clinici del paziente, corredati da foto della lesione, agli infermieri dell’ambulatorio che in tal modo hanno a disposizione tutti gli elementi per elaborare il parere professionale, indicando il percorso di cura più adatto. La collaborazione interprofessionale prosegue con l’individuazione coordinata del piano terapeutico e la pianificazione dei controlli e delle medicazioni periodiche.

Si accede al servizio a seguito di valutazione da parte del proprio medico di medicina generale che, se ritenuto opportuno, prescrive un visita specialistica, prenotabile chiamando direttamente il numero 0564 485446.

L’ambulatorio del Misericordia fa parte della Rete aziendale lesioni cutanee di cui è responsabile la dottoressa Sara Sandroni. Una volta effettuata la presa in carico dell’assistito, questo tipo di struttura, permette la continuità assistenziale anche in caso di trasferimento da un setting assistenziale a un altro (ospedale-territorio o viceversa). Ogni ambulatorio specialistico infermieristico è il riferimento assistenziale per la Rete nell’area di competenza, facilitando lo sviluppo di un modello che si adatta alle caratteristiche dell’individuo e ottimizzando le risorse disponibili nell’ottica della collaborazione interprofessionale e multidisciplinare.

Oltre che a Grosseto, l’ambulatorio per le ferite difficili è presente a Castel del Piano, come servizio territoriale e in altre zone della Asl Toscana sud est (Aretina, Valdarno, Casentino, Valdichiana Senese).

banner amministrazione trasparente

PAGAMENTO QUOTA

banner amministrazione trasparente

CORONAVIRUS

coronavirus
regione toscana ministero salute

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

BANCA DATI ARS

nuova banca dati final1

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute