Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

Se ne discute molto ma ancora  non abbastanza. L'occasione in questi giorni è stato in Regione Toscana un convegno organizzato da ESTAR e FIASO ma anche lo studio di Rn4Cast Pediatrico presentato in Senato. Tra l'altro questo studio sta suscitando un eco mediatica impressionante forse proprio perchè parla di popolazione pediatrica, ma questo ci permette di rilanciare anche lo studio Rn4cast e altri studi sulla popolazione adulta (Ricerca Aopi (Associazione ospedali pediatrici): pochi infermieri, aumentano i rischi) . 

Nel convegno ESTAR sono intervenuto come consigliere FNOPI dichiarando con forza che  la visione è troppo corporativa e autoreferenziale: Ogni professione lamenta una carenza di personale basata perlopiù sullo storico che pur è reale. Ma non è questo un ragionamento vincente e sano per il SSN. Nel caso dei medici dobbiamo fare molta attenzione, ad esempio, perchè la carenza non è medica ma degli specialisti che è cosa ben diversa ed è legata quindi a maggior ragione a doppio filo con i bisogni della popolazione. Ho detto infatti che "Non è pensabile avanzare delle richieste alla politica facendo leva solo sui numeri del passato, senza tenere conto dei nuovi modelli organizzativi che si intendono adottare, delle risposte da dare al cittadino, della mutata domanda di salute e assistenza intervenuta negli ultimi anni. Se vogliamo il sistema sanitario che dichiariamo da anni, centrato su cronicità, domiciliarità, risposte appropriate e sicure, la carenza è anche e sopratutto infermieristica. Se così non è stiamo parlando di tutt'altro. Basta dirselo assumendo il coraggio delle proprie dichiarazioni"

"Dobbiamo continuare a spostare l'attenzione sulle cronicità, e su questo terreno il ruolo della componente infermieristica è essenziale". Queste invece le Parola di Francesco Ripa di Meana, presidente Fiaso, a margine della tavola rotonda.
Il mio contributo, arrivato dopo numerosi messaggi di allarme sulla carenza di operatori lanciati dai rappresentati di tutte le professioni intervenute, ha ripreso quindi gli spunti di riflessione dello stesso Ripa di Meana, insistendo sulla necessità di un nuovo approccio al problema del fabbisogno di personale sanitario. 



Da questo punto di vista, la carenza di infermieri si conferma come la vera emergenza cronica all'interno del Servizio sanitario nazionale. "Abbiamo sotto mano sia delle robuste basi scientifiche di questa carenza - ho aggiunto, riferendomi agli standard internazionali sul rapporto numerico infermieri/cittadini e infermieri/medici - sia delle basi di natura organizzativa, che ci dicono che è la figura professionale dell'infermiere quella maggiormente richiesta per intercettare e dare sostanza concreta alle esigenze espresse dalla popolazione da un lato e dalla stessa dirigenza sanitaria dall'altro". Del resto lo scrivevamo ovunque che il fatto che mancano infermieri è supportato da QUALSIASI razionale si partenza di voglia utilizzare (Prendi un dato qualsiasi e ti dirà che: mancano infermieri!) .La sempre maggiore richiesta di servizi efficaci e personalizzati per i cittadini richiede infatti sia un continuo sviluppo delle professionalità presenti nel Sistema sanitario, sia un adeguato numero di professionisti esperti.

L'incontro in Regione Toscana, partendo dai fabbisogni previsti per la sanità toscana, ha inteso aprire un confronto continuo tra aziende e professionisti su come affrontare le sfide che attendono il sistema pubblico a fronte della carenza di operatori; della difficoltà nel selezionare "il professionista giusto nel posto giusto"; dei problemi emergenti nella gestione delle risorse umane (invecchiamento della popolazione lavorativa, stress lavoro correlato e burnout, gestione del clima motivazionale). Non a caso, mediatore di questo confronto è stato Estar che, in quanto Ente di Supporto Tecnico Amministrativo Regionale, ha in programma concorsi e selezioni per tutta la Sanità toscana, per cercare nuove soluzioni che facilitino l'incontro tra la domanda e l'offerta di professionalità.

Nicola Draoli 

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

banner responsabilita sanitaria v2

Accesso portale

logo innovare per migliorarsi

paroladiinfermieresigla

Questione inf.ca in Toscana

Toscana

castorina home

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

Network Bibliotecario SSR

FB IMG 1523555340835

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Uni Logo

infermieri informa OPI

Campagne Mediatiche

Garantire la tua salute